Terminal Sottomonastero, 98050 Lipari ME
Tutti giorni 08:00-20:00
+39 368 767 0342

Alicudi e Filicudi

«Alicuri è ovunque sterile ed alpestre, e non ha di circuito più di 7 miglia. Vi nasce in gran copia l’erica (…).»

Alicudi è un’isola dell’Italia appartenente all’arcipelago delle isole Eolie, in Sicilia. Vi abitano 20 persone. Amministrativamente appartiene a Lipari, comune italiano della provincia di Messina in Sicilia. Gli abitanti dell’isola sono chiamati in siciliano arcudari. Anticamente era nota come Ericussa, dal greco antico Ἐρικοῦσσα («ricca di erica»).
L’isola di Alicudi è la più occidentale dell’arcipelago eoliano. È dominata dal monte Filo dell’Arpa, il cui toponimo deriva dal termine dialettale arpa o arpazza col quale si indica la poiana. La pianta dell’isola è quasi circolare, con superficie di circa 5 km², con coste ripide ed aspre, e costituisce la parte emersa, dai 1.500 m di profondità del fondo del mare fino ai 675 m s.l.m. del punto culminante, di un vulcano spento, sorto attorno a 150 milioni di anni fa e rimodellato da successive eruzioni e fenomeni quaternari. L’isola è abitata solo sul versante meridionale, digradante verso il mare in lenze (stretti appezzamenti), sostenute da muri a secco. Questo versante, significativamente antropizzato a scopi abitativi e colturali, risulta meno scosceso di quello opposto, battuto dai venti e continuamente soggetto a fenomeni erosivi e conseguenti frane.

Filicudi è un’isola dell’Italia appartenente all’arcipelago delle isole Eolie, in Sicilia. Amministrativamente fa parte del comune di Lipari e vi si trovano due località abitate: Filicudi Porto e Pecorini a Mare.
L’isola di Filicudi è la quinta isola in ordine di grandezza dell’arcipelago delle Eolie e la seconda isola più occidentale dell’arcipelago (dopo Alicudi); è situata a circa 24 miglia nautiche a ovest di Lipari. È dominata dal monte Fossa Felci, un vulcano spento alto 773 m. Oltre ad esso, di vulcani ce ne sono ben altri sette (La Sciara, Montagnola – Piano Sardo, Monte Terrione (chiamato anche “Torrione”), Monte Guardia, Capo Graziano, Monte Chiumento, Riberosse), tutti spenti da molto tempo e di conseguenza fortemente segnati dall’erosione. La popolazione, circa 200 abitanti (che diventano 3000 nella stagione estiva), è distribuita tra i centri di Filicudi Porto, Valdichiesa, Pecorini, Pecorini a mare, Canale e Rocca di Ciavoli, collegati tra loro dall’unica strada asfaltata dell’isola e da una fitta trama di strade pedonali.

La località di Stimpagnato, nel sud-est dell’isola, è abitata da turisti soltanto durante l’estate.

Le nostre escursioni

Contattaci

Vuoi una vacanza alle Eolie su misura alle tue esigenze? Siamo il partner giusto per te. Chiamaci per un preventivo personalizzato.

Scopri le nostre escursioni alle Isole Eolie